Twitter

Ennesima mazzata contro l'#agricoltura votata in Parlamento Europeo: basta con provvedimenti che penalizzano i contadini e fanno un danno alla produzione alimentare italiana ed europea. #europa

Stasera, alle 21.25 su @rete4, #ÈsempreCartabianca con #BiancaBerlinguer.

Ospiti: @ellyesse @SardoneSilvia @marcofurfaro @iva_zanicchi @AndreaScanzi @BelpietroTweet @GianluigiNuzzi @FlaminiaBolzan #SimonaCrisci #RobertoPoletti @SabrinaScampini @Pasquale_G_off @CoronaMauro

È sempre più importante concentrarsi sulle prossime europee perchè siamo di fronte alla possibilità di dare un segnale importante contro questa #Europa ideologica che vuole scaricare sui cittadini i costi di una transizione verde imposta e poco utile. #green

Load More

EuropaRischiamo un nuovo caso Paty?

30 Marzo 2021
https://silviasardone.it/wp-content/uploads/2021/04/maxresdefault.jpg

Rischiamo un nuovo caso Samuel Paty? E’ quello che purtroppo sta succedendo a un insegnante in Inghilterra, reo di aver mostrato ai suoi studenti una vignetta del Profeta Maometto durante un normale corso sulla libertà di espressione.

Adesso l’insegnante si nasconde, dopo che la polizia aveva sollevato preoccupazioni per la sua sicurezza quando gli islamisti hanno fatto il suo nome online. Venerdì la scuola ha chiuso per il secondo giorno consecutivo quando i manifestanti si sono radunati fuori dai cancelli e hanno chiesto il licenziamento dell’insegnante.

“Dateci la sua testa” hanno urlato gli islamisti fuori dalla scuola inglese a Batley, nello Yorkshire.

L’insegnante è stato sospeso. La scuola si è scusata. I sindacati degli insegnanti sono rimasti in silenzio. Addirittura con le proteste in corso, la scuola ha chiuso i cancelli e ha detto agli alunni di restare a casa.

Ora questo insegnante teme per la sua famiglia, la moglie e i suoi 4 figli. Vuole evitare la sorte di Samuel Paty, l’insegnante decapitato in Francia lo scorso ottobre.

Purtroppo l’Inghilterra come la Francia e altri Paesi europei è sempre più preda di allarmi insensati sull’islamofobia. Negli anni in alcuni quartieri difficili, preda dei musulmani, ci sono state donne poliziotto costrette a girare addirittura con il velo islamico. Proprio la polizia sta valutando la possibilità di sostituire termini come ‘terrorismo islamista’ con un linguaggio più neutro che eviti di dire la fede di chi compie atti terroristici.

Ormai la nostra libertà sta diventando un optional, sacrificata sull’altare della sottomissione all’Islam.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi