Twitter

✅ GRAZIE DI CUORE!
Che emozione amici: più di 70 mila voti!
Sono stata rieletta in Europa con un risultato straordinario. Sono risultata la più votata in Italia dopo Vannacci nella Lega, prima donna in assoluto.
Ho nettamente aumentato i voti rispetto a 5 anni fa.
Un risultato

✅ 8 e 9 GIUGNO - ❌ VOTA LEGA - ✍️ SCRIVI SARDONE
➡️ È IL MOMENTO DI LOTTARE, CON GRINTA E PASSIONE!
Avanti insieme, per cambiare un'Europa lontana dalle esigenze dei cittadini.
Puoi votarmi in Lombardia, Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta.
🟦 Ricorda: barra il simbolo LEGA e

In questi anni sono stata in prima linea a Bruxelles per difendere gli interessi dell'Italia con una forte attività parlamentare senza mai dimenticare il territorio.
L'8 e il 9 giugno si decide il futuro dell'Europa, dobbiamo cambiarla insieme, scegli chi è sempre stata al vostro

Load More

3 motivi per dire no all’obbligo di vendita di auto elettrica

25 Maggio 2024

Tre motivi per dire no all’obbligo di vendita di auto elettrica dal 2035.

  • Primo: la sinistra, accecata dall’ideologia green, non si rende minimamente conto che imporre i propri capricci è un danno enorme per le famiglie italiane: un’auto elettrica di fascia media costa infatti dai 30 ai 60mila euro; in tutta Italia sono presenti appena 50mila colonnine di ricarica, dunque è impensabile organizzare un viaggio di media-lunga durata.
  • Secondo: la transizione elettrica entro il 2025 rischia di far sparire 30mila aziende dell’automotive solo in Lombardia e dunque di mettere in ginocchio decine di migliaia di famiglie. Si stima che in tutta Europa possano andare in fumo 600mila posti di lavoro nonostante i cittadini prediligano i motori endotermici. A gennaio, le immatricolazioni delle auto elettriche sono scese all’11,9% dal 15,7% del 2023. In Italia, addirittura, la quota si è dimezzata: dal 4,2% al 2,1%.
  • E infine terzo: non è vero che le auto green migliorano l’ambiente. Alcune parti di questi veicoli sono prodotti con materie la cui estrazione richiede tantissima energia e acqua. La produzione delle batterie, in Cina e non solo, spesso e volentieri sfrutta energie non rinnovabili, come carbone o petrolio. Quindi basta con questa caccia alle streghe contro le macchine a benzina e diesel!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi