Twitter

Basta con chi pretende di imporci il #ramadan come festa nazionale. Senza accordo con lo Stato non se ne parla. Senza dimenticare la questione diritti delle donne nell'#Islam, viste le foto dei recinti per la preghiera o le tante ragazze oppresse e costrette a portare il velo.…

CHI PAGA PER LE FOLLIE GREEN?!?
#Casegreen, via libera definitivo del Consiglio Ue Ecofin ma l’Italia vota contro.
Noi da sempre abbiamo combattuto questa direttiva folle che rappresenta un colpo pericoloso ai risparmi delle famiglie.
Nel giro di pochi anni si dovrebbero…

Load More

Forze dell’ordine falciate dal Covid ma nessuno le considera

25 Novembre 2020

Nessuno li considera, nessuno ne parla. Per loro non ci sono appelli né applausi. Eppure il Covid contagia e uccide anche molti carabinieri, poliziotti e agenti della Polizia penitenziaria.

Per esempio l’ultimo bollettino della Polizia segnala che ci sono stati quasi 4000 contagiati, di cui mille in più dall’ultima settimana e una quarantina di ricoverati. Il comandante generale dei Carabinieri ha aggiornato la contabilità dei militari vittime del virus: dall’inizio della pandemia oltre 3200 carabinieri contagiati, 1000 attualmente e 60 ricoverati.

Fronte caldo anche nelle carceri. 970 agenti attualmente contagiati, quasi 400 in più rispetto al mese precedente.

E’ evidente che le forze dell’ordine rischiano molto, sono la seconda categoria più a rischio dopo gli operatori sanitari. Il loro lavoro li porta a stare in mezzo alla gente, tra emarginati e soggetti a rischio. Come per esempio i migranti. Da tempo denunciano la situazione esplosiva negli hotspot e nei centri di accoglienza. I protocolli e il distanziamento non esistono e purtroppo gli agenti sono dovuti intervenire a sedare tante rivolte, in occasione delle quali ovviamente salta ogni regola. Purtroppo il Governo non ascolta i loro appelli e non li difende!

Il mio pensiero va quindi non solo a medici negli ospedali, medici di famiglia e infermieri che sono in prima linea e sono il nostro orgoglio ma anche a uomini e donne in divisa che, per tutelare la nostra sicurezza, rischiano la propria salute ogni giorno.

Il mio grazie a loro, troppo spesso insultati, minacciati e aggrediti e ora a anche a rischio Covid. Non dimentichiamoli!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi