Twitter

Basta con chi pretende di imporci il #ramadan come festa nazionale. Senza accordo con lo Stato non se ne parla. Senza dimenticare la questione diritti delle donne nell'#Islam, viste le foto dei recinti per la preghiera o le tante ragazze oppresse e costrette a portare il velo.…

CHI PAGA PER LE FOLLIE GREEN?!?
#Casegreen, via libera definitivo del Consiglio Ue Ecofin ma l’Italia vota contro.
Noi da sempre abbiamo combattuto questa direttiva folle che rappresenta un colpo pericoloso ai risparmi delle famiglie.
Nel giro di pochi anni si dovrebbero…

Load More

L’Europa vuole dare casa e alloggio agli immigrati

25 Novembre 2020

In questi giorni è stato posto in cima all’agenda dei lavori della commissione europea il nuovo piano per l’integrazione dei migranti. Si basa su quattro pilastri principali: istruzione, lavoro, accesso all’assistenza sanitaria e ad alloggi adeguati.

Secondo l’Europa i vari stati devono impegnarsi sempre piĂą a fondo nell’inclusione, con nuovi investimenti e spese relative a sistemazioni piĂą adeguate per i migranti presenti nel territorio comunitario.

Tra i passaggi del progetto c’è anche un riferimento al mondo del lavoro, dove tutti i migranti devono ricevere il sostegno per esprimere “il loro pieno potenziale”.

Un altro punto parla di necessitĂ  di adeguati e convenienti finanziamenti per gli immigrati per trovare migliori alloggi.

Insomma la priorità dell’Europa in piena pandemia è sprecare nuovi soldi per trovare lavoro e alloggio agli immigrati senza indicare chiaramente le categorie, con il rischio di sprecare nuovi fondi per coloro che non hanno alcun diritto di stare in Europa e in particolare in Italia.

Ma vi rendete conto? In un momento in cui i Paesi più colpiti non hanno ancora indicazioni chiare sui fondi che l’Unione Europea metterà a disposizione per far ripartire l’economia, questi pensano a indirizzare tanti soldi ancora sull’immigrazione. Casa e lavoro per gli immigrati! Siamo alla follia!

Il paradosso è sotto gli occhi di tutti: mentre noi chiediamo la lotta all’immigrazione clandestina, lo stop al business sull’accoglienza e i porti chiusi, qui in Europa non solo chiedono un’immigrazione senza freni ma immaginano contributi a pioggia per favorire un’integrazione che poi nei fatti non esiste.

Siamo stanchi di un’Europa in ritardo nel rispondere alle esigenze di noi cittadini ma sempre ben disposta nel moltiplicare gli sprechi!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi