Twitter

Basta con chi pretende di imporci il #ramadan come festa nazionale. Senza accordo con lo Stato non se ne parla. Senza dimenticare la questione diritti delle donne nell'#Islam, viste le foto dei recinti per la preghiera o le tante ragazze oppresse e costrette a portare il velo.…

CHI PAGA PER LE FOLLIE GREEN?!?
#Casegreen, via libera definitivo del Consiglio Ue Ecofin ma l’Italia vota contro.
Noi da sempre abbiamo combattuto questa direttiva folle che rappresenta un colpo pericoloso ai risparmi delle famiglie.
Nel giro di pochi anni si dovrebbero…

Load More

Il Governo la smetta di criminalizzare le proteste di piazza

27 Ottobre 2020

Sono talmente arroganti al Governo che ora lo sport preferito è criminalizzare, banalizzare e sottovalutare le proteste di piazza. Sia chiaro chi attacca le forze dell’ordine o devasta e saccheggia le vetrine è un deficiente e soprattutto un delinquente. Ma le piazze di queste ore non sono solo violenza. Grillini e Pd provano a ridimensionarli parlando di criminalità organizzata o di fascisti, dimenticando volutamente i centri sociali. Ma in tante piazze ci sono persone perbene che sono esasperate. Ristoratori, baristi, gestori di palestre e piscine, artisti e personale che lavora nelgli eventi e tanti altri sono additati di essere i responsabili di qualcosa di cui non hanno alcuna colpa e la rabbia monta. Hanno sentito troppe promesse fasulle, hanno atteso mesi aiuti a fondo perduto che non arrivavano, aspettano ancora casse integrazioni non pagate dall’Inps, si sentono beffati dai 600 euro che hanno ricevuto con gran ritardo. Si sono rimboccati le maniche, hanno spesso investito risorse per mettersi in regola, si sono indebitati e ora sono stati fregati clamorosamente!

I dati sono drammatici: sinora il settore terziario ha perso circa 30 miliardi di euro di fatturato a causa del lockdown e dei suoi strascichi, secondo Confcommercio.¬† Per sanificare e mettere in regola i locali in modo da poterli riaprire al pubblico, i ristoratori hanno speso 2,1 miliardi (fonte Confesercenti). Di questi, solo 200 milioni sono stati restituiti attraverso il credito d‚Äôimposta. Le nuove chiusure comporteranno perdite per 17,5 miliardi circa nel quarto trimestre dell‚Äôanno (fonte Confcommercio). Il governo, stando alle anticipazioni, ristoreraŐÄ i gestori di bar e ristoranti con 1-1,5 miliardi di euro di indennizzi. Poca roba francamente e non si sa nemmeno quando avranno ‚Äúquesti ristori‚ÄĚ!

Pensate che all‚Äôestero le cose stanno andando molto diversamente. Gran Bretagna: ¬†gli inglesi¬† hanno ricevuto un ristoro fino a¬†3.750 sterline¬†(4.129 euro) per¬†tre mesi¬†per compensare una¬†perdita media di profitti¬†di almeno il¬†40 per cento. Gli autonomi¬†tedeschi, invece, hanno avuto a disposizione un¬†sussidio¬†una tantum fino a¬†9mila euro a fondo perduto, in funzione del danno subito. Un lavoratore autonomo¬†francese¬†o¬†spagnolo¬†ha potuto beneficiare di un¬†sussidio mensile fino a 1.500 euro¬†pi√Ļ un aiuto successivo fino a¬†10mila¬†euro¬†in base alla riduzione del fatturato. L‚ÄôItalia √® quella che ha dato meno, a partire dai ridicoli bonus di 600 euro una tantum.

Il Governo vive sulla Luna, oggi pi√Ļ che mai risulta sempre pi√Ļ evidente che questi sono totalmente scollegati dalla realt√† e non si rendono conto delle esigenze e dei problemi della gente comune!

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi