Twitter

✅ GRAZIE DI CUORE!
Che emozione amici: più di 70 mila voti!
Sono stata rieletta in Europa con un risultato straordinario. Sono risultata la più votata in Italia dopo Vannacci nella Lega, prima donna in assoluto.
Ho nettamente aumentato i voti rispetto a 5 anni fa.
Un risultato

✅ 8 e 9 GIUGNO - ❌ VOTA LEGA - ✍️ SCRIVI SARDONE
➡️ È IL MOMENTO DI LOTTARE, CON GRINTA E PASSIONE!
Avanti insieme, per cambiare un'Europa lontana dalle esigenze dei cittadini.
Puoi votarmi in Lombardia, Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta.
🟦 Ricorda: barra il simbolo LEGA e

In questi anni sono stata in prima linea a Bruxelles per difendere gli interessi dell'Italia con una forte attività parlamentare senza mai dimenticare il territorio.
L'8 e il 9 giugno si decide il futuro dell'Europa, dobbiamo cambiarla insieme, scegli chi è sempre stata al vostro

Load More

L’Europa attacca il Made in Italy anche sulla plastica

2 Giugno 2021

L’Europa attacca il Made in Italy, anche nel settore della plastica.

Le linee guida della commissione europea per l’abolizione della plastica monouso mettono al bando dal 3 luglio i bastoncini cotonati, le posate, piatti, cannucce, palette, contenitori per alimenti. Il 31 maggio la Commissione ha approvato le linee guida in cui è stato inserito l’obbligo di ridurre anche i consumi di piatti, bicchieri e imballaggi di carta ricoperta da un velo di plastica e che si possono riciclare insieme con la carta, settore in cui l’Italia è molto forte.

La Lega da tempo si batte contro scelte che penalizzano interi settori produttivi e infatti siamo stati tra i pochi a votare no al Parlamento europeo. Come ha detto il ministro Giorgetti la tutela dell’ambiente è sicuramente un obiettivo da perseguire ma non si possono ignorare le conseguenze per le industrie italiane che potrebbero portare a fallimenti aziendali e disoccupazione. Ma l’Europa se ne frega a partire dal commissario all’economia Gentiloni.

La direttiva non colpisce solo la carta plastificata ma anche le bioplastiche biodegradabili, sui cui l’Italia è all’avanguardia in Europa. Incredibilmente, come ha notato anche il ministro Cingolani, l’Europa punta esclusivamente sulla plastica riciclabile. Tutte le altre, come quella biodegradabile o quelle additivate, non vanno bene pur essendo funzionali alla tutela dell’ambiente

Ricordo che sono 50mila nel nostro Paese i lavoratori attivi solo nel packaging cartaceo con i veli di plastica mentre il settore della ristorazione veloce vale circa 335 miliardi di euro e dà da lavorare a 8 milioni di persone. E’ francamente assurdo continuare a mettere davanti l’ideologia senza pensare agli effetti immediati di alcune scelte!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi