Twitter

Che triste fine per Giuseppe #Conte: in Europa si va ad alleare con Ilaria #Salis e Carola #Rackete. Ormai è un partito di estrema sinistra...

Imbarazzante la difesa delle #occupazioni abusive da parte di #Salis e del suo leader #Fratoianni. Sostengono l'illegalità senza nemmeno vergognarsi, pazzesco!

I profeti dell'accoglienza a tutti i costi ora si scandalizzano per il drammatico caso del ragazzo indiano lasciato morire dopo un incidente sul lavoro. Sono loro i responsabili di questo scempio, avendo spinto allo sfruttamento migliaia di disperati con le loro folli politiche… https://twitter.com/i/web/status/1804506352363933743

Load More

La Danimarca di sinistra: “Immigrati con sussidi devono lavorare”

10 Settembre 2021

La sinistra italiana viene sbugiardata dal governo socialdemocratico della Danimarca.
L’esecutivo danese di centrosinistra ha infatti presentato una proposta di legge per obbligare una buona parte degli immigrati che ricevono sussidi statali a lavorare 37 ore a settimana per aver diritto al contributo. Si tratta di una soluzione avanzata per favorire una effettiva integrazione dei profughi, evitando così di avere nel Paese “troppi stranieri disoccupati”.
L’idea che sta dietro a questa proposta è quella di condizionare l’erogazione di sussidi sociali per gli immigrati solo se svolgeranno un determinato numero di ore di lavoro.
L’obiettivo è quello quello di far sì che gli stranieri si attivino nel campo dell’integrazione senza approfittare degli aiuti economici forniti dallo Stato. Nello specifico si vorrebbe applicare questa regola a tutti quegli immigrati che percepiscono il sussidio “da 3 o 4 anni” e non hanno ancora superato “il livello 2 negli esami di lingua danese”.
La sintesi della proposta è chiara: chi viene in Danimarca deve lavorare e sostenere sé stesso e la propria famiglia. Se uno non ce la fa deve contribuire con ciò che equivale a una normale settimana lavorativa per ricevere l’intera prestazione assistenziale.
Per la sinistra nostrana una proposta del genere sarebbe razzista. Per loro dobbiamo accogliere tutti gli immigrati, clandestini compresi, dare loro sussidi a pioggia, non verificare se hanno i requisiti e non chiedere loro nessun impegno. Assurdo.
Ricordo che in Danimarca, dove gli immigrati e i loro discendenti rappresentano quasi il 15% della popolazione, ha deciso anche di chiudere le frontiere prevedendo che tutte le domande di asilo o di altre forme di protezione internazionale debbano essere vagliate in centri ubicati fuori dal territorio nazionale.

Che ne dicono i buonisti e i radical chic di casa nostra?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi